MODA ETICA E SOSTENIBILE


MODA ETICA SOSTENIBILE ACQUISTI CONSAPEVOLI DIVINE BUGS IL NUOVO BRAND SUSTAINABLE FASHION

Moda etica. Impariamo ad acquistare in maniera consapevole

Cosa significa moda etica? Perchè sempre più spesso si parla di moda etica e di moda sostenibile? Forse non tutti sanno che il mondo della moda è uno tra i maggiori fattori d’inquinamento del nostro pianeta. Stoffe e tessuti infatti, vengono lavorati con sostanze chimiche che, successivamente, con lo smaltimento, sono poi riversate nei fiumi e di conseguenza arrivano anche al mare.


Se pensiamo inoltre al fatto che la stragrande maggioranza delle fabbriche d’abbigliamento si trova in quei paesi dove non ci sono regole a salvaguardia del pianeta, la risposta al perché queste inquinino viene da sola, così come viene naturale pensare che il mondo del fashion system dovrebbe impegnarsi maggiormente nella sostenibilità della moda.

I marchi della fast fashion hanno una produzione continua. I loro capi costano poco anche perché lavorati in paesi come Cina, Bangladesh e altri dove la manodopera viene pagata pochissimo. Non solo questo è poco etico e di per sé dovrebbe far riflettere, ma induce inoltre all’acquisto compulsivo. A comprare continuamente come se non ci fosse un domani e tutto questo alimenta un circolo vizioso del quale il pianeta Terra, ma anche il nostro portafoglio, pagano purtroppo le conseguenze.


MODA ETICA

Fortunatamente però, persino queste catene low cost, in primis H&M con la sua linea Conscius, così come Zara ha iniziato a fare da poco, si stanno indirizzando verso una moda etica e una moda sostenibile, grazie anche alle pressioni dei consumatori e delle organizzazioni che di questo si occupano.

SHOPPING SOSTENIBILE

Sicuramente ognuno di noi in questo senso può fare la sua parte, imparare ad acquistare in maniera sostenibile diventa al giorno d’oggi un dovere.

Così come prima scrivevo, la strategia delle catene che vendono abiti e accessori - per indurci a comprare di continuo - è quella di rifornire molto spesso i loro magazzini. Facendo cadere il discorso della stagionalità. Facendoci pensare che manca sempre qualcosa ai nostri outfit, senza che teniamo invece conto delle nostre reali esigenze.


Cosa fare allora per avere sani comportamenti d’acquisto? Quali le regole per uno shopping sostenibile? Vediamo insieme come cercare di cambiare le nostre abitudini e sostenere il mercato della moda etica.

  1. Fermiamoci innanzitutto a riflettere su cosa ci serve davvero. Prima di comprare l’ennesima maglia poniamoci la domanda se ne abbiamo veramente bisogno, se ci sta bene e se rispecchia il nostro stile. Questa è assolutamente la prima cosa che dobbiamo imparare a fare. Comprare meno ed eliminare il superfluo dalle compere.

  2. Cerchiamo di valorizzare quello che abbiamo già nel nostro armadio. Talvolta abbiamo veramente troppo. Spesso per comprare altri vestiti dobbiamo liberare il guardaroba da ciò che c’è dentro e magari non abbiamo mai messo. Osserviamo attentamente i nostri abiti e cerchiamo di capire cosa possiamo fare per migliorarli. Tanti vestiti ad esempio basterebbe rimetterli a misura senza invece regalarli o addirittura buttarli.

  3. Altra cosa alla quale dobbiamo pensare, è quella di prenderci sempre cura dei nostri abiti. Anche se li abbiamo pagati poco, non per questo dobbiamo farne un utilizzo usa e getta. Non faremmo altro che aumentare la già enorme quantità dei rifiuti tessili.

  4. Impariamo ad acquistare in maniera etica. Ossia capi di moda sostenibile. Ma a cosa ci riferiamo parlando di moda etica? A piccoli brand che rispettano i lavoratori e son trasparenti nel raccontare la loro storia e la loro produzione. Marchi che prestano attenzione alla composizione dei tessuti, creando abbigliamento realizzato con materiali naturali o di riciclo. Aziende che utilizzano carta riciclata per i loro pacchetti.

  5. Diamo una seconda possibilità ad abiti e accessori acquistando usato di qualità o vintage. Spesso tra i capi del second hand ci sono cose davvero in ottime condizioni. Ovviamente il vintage vero ha prezzi più alti dell’usato, ma di sicuro notevolmente più basso rispetto a quello originale.

SOSTENIBILITA’ E ACQUISTI DOVE COMPRARE USATO DI QUALITA’

Al giorno d’oggi, in ogni nostra città, è possibile trovare negozi che si occupano di moda etica. Così come molti stilisti hanno una produzione sostenibile. Possiamo trovarli in rete e acquistare sui loro siti online.


MODA ETICA DIVINE BUGS


Ad esempio il giovane brand Divine Bugs, che utilizza esclusivamente cotone biologico, per il quale possiede certificati effettivi di produzione. Capi innovativi e alla moda. T-shirt, abiti e felpe da indossare sia nel tempo libero che nelle giornate in città. Raffiguranti insetti, i quali andranno ad illuminare le nostre giornate e i nostri guardaroba. I designer sloveni, scelgono gli insetti nelle loro collezioni poiché il mondo è sull’orlo della estinzione di un gran numero di questi, essenziali invece per l’ecosistema. Cibo per altri animali, impollinatori e decompositori di rifiuti.

moda etica: t-shirt Divine Bugs


Principali responsabili dell'estinzione di essi l'agricoltura intensiva e il riscaldamento globale. Con questo ritmo di cambiamento dell’ambiente, un terzo di loro si estinguerà in pochi decenni. Il marchio DIVINE BUGS vuole ricordare invece che, sebbene siano fastidiosi, gli insetti sono molto importanti per il nostro pianeta.


moda etica: abiti maglie e felpe Divine Bugs.


Esistono anche portali e applicazioni che si occupano proprio diacquisti sostenibili. Non solo nel settore della moda. Tra di essi possiamo trovare:

MERCATO CIRCOLARE: All’interno di questa app potremo trovare tutte le attività della nostra città che si occupano di sostenibilità.

MAPPA DELLO ZERO WASTE: Per vivere a rifiuti 0 o quasi. Consigli e suggerimenti per ridurre il proprio impatto con l’ambiente, produrre meno scarti e vivere in maniera sostenibile. Negozi di merce sfusa, usato e vintage.

DEPOP: Una app di compra vendita tra privati. Basta creare il proprio account e iniziare a cercare ciò che ci interessa, come per Instagram infatti chi vende inserisce hashtag per identificare il brand dell’oggetto che vende.


Anche voi vi state indirizzando verso una moda etica verso una moda sostenibile? Avete già imparato ad acquistare in maniera consapevole? Vi aspetto nei commenti.



#moda #modadonna #modauomo #consiglidistile #stilistiemergenti

Rimaniamo in contatto.
Iscriviti alla mia NewsLetter!

© 2017-2020 by FrancescaMaria

Roma - Lazio - Italia